web developer - photographer - blogger - computer programmer

Viaggio di ritorno

Il ritorno alla dura realtà...
Una volta a Boston non ci restò che salutare tutti ed andare a riposare qualche ora, l'indomani mattina avremmo preso il volo per Roma.
ritorno da Boston a Roma
Ovviamente riuscì a dormire pochissimo, tra una doccia e la preparazione delle valige, andai a sdraiarmi sul letto che erano già le 4:35, ma alle 8:00 mi sarei dovuto alzare.
Gli occhi non vollero saperne di chiudersi subito e restai per un po' a guardare il soffitto rettangolare di quella piccola stanza del collage di Brandais a Boston, poi per fortuna mi spensi.
Riuscì a dormire qualche ora, almeno fino a che la sveglia non mi riportò nel mondo dei vivi, dopo pochissimo tempo che mi ero addormentato.at Stanchi ci trascinammo con a seguito le valige verso l'aeroporto, dopo un'ultima riunione di saluti con caffè americano a casa di un nostro amico. Ovviamente tra coincidenze varie, arrivammo in aeroporto 10 minuti prima della partenza del volo, e dopo una corsa esagerata, la prima cosa che ci fu detta al check in dei bagagli, fu che il volo era già stato chiuso. L'avevamo perso e non c'erano speranze di cambiare la situazione.


Potete immaginare cosa significa per un ragazzo italiano, che è andato la prima volta all'estero investendo tutti i pochi risparmi sul conto, perdere il volo di ritorno per l'italia e doverne ricomprare uno nuovo, una tragedia.
Poi però è successa una cosa stranissima, non so che differenza sostanziale ci sia tra un italiano ed un americano di Boston, ma una cosa è certa, gli americani di Boston cercano sempre di fare tutto il possibile per aiutarti, infatti, arrivò un uomo di mezza età, circa 55 per darvi un'idea, che avendo ascoltato quanto accaduto, ci disse di aspettare un attimo.
Parlo con le hostess e fecero partire una serie di telefonate, dopo di che ci dissero di recarci al gate dell'aereo e di lasciare direttamente lì i bagagli.
Noi ubbidimmo e ci presentammo al gate, dove una hostess che ci stava aspettando ci fece accomodare in prima classe.
L'aereo era fermo li, con dieci minuti di ritardo rispetto all'orario di partenza, soltanto per aspettare noi e i nostri bagagli.


Era la prima volta che viaggiavo in prima classe su un aereo, e la prima volta che osservavo un decollo così strano, un'ascesa molto movimentata, con perdita di quota improvvisa che mi è sembrata molto simile ad uno stallo, ma per fortuna tutto è andato bene, ho bevuto succo d'arancia in un bicchiere che sembrava di cristallo e ci hanno portato una colazione davvero buona.

A Detroit non è successo niente di particolare, e abbiamo atteso annoiati e disgustati dal pensiero di dover tornare in Italia l'aereo per Roma, discutendo a lungo sul sistema americano e quello italiano. Nel viaggio di ritorno per casa, quelle otto ore d'aereo mi sono sembrate interminabili, e quei due film trasmessi nel tragitto erano gli stessi identici film trasmessi all'andata, ma non appena arrivati in Italia, ci rendemmo subito conto di quanto fosse orrendo il nostro paese.

Infatti a termini cercavamo il treno per Napoli che fu segnalato in partenza dal binario 17 anziché 13, ci recammo così sul quel binario e prendemmo posto sul treno, era la domenica di pasqua ed il treno si riempi completamente, ma pochi minuti prima della partenza ecco un nuovo annuncio, il treno per Napoli era in partenza dal binario 13 e non dal 17 come precedentemente annunciato, così ci fu il solito caos , una folle massa di persone che prendevano rapidamente i bagagli e si lanciavano dal treno per raggiungere un posto a sedere sull'altro treno.

Che bella che è l'Italia, se pensate che per me che sono ragazzo è stata davvero una sfacchinata tremenda il cambio di treno, figuratevi cosa debba essere stata per le persone anziane che c'erano, ma che vogliamo farci, la pubblicità dice che i treni sono puntuali comodi, c'è sempre posto... forse si riferisce ad un paese ideale che non è di certo questo.

A conti fatti non so quanto positivo possa essere stato questo viaggio per me, ora sono molto più triste, consapevole che ci sono posti migliori, che funzionano meglio, dove si vive meglio dove la gente è diversa e viene da tutto il mondo, posti in cui mi piacerebbe vivere, ma la realtà e che per ora sono qui e devo viverci, a meno che la fortuna non decida di metterci la sua mano…

Come ultima cosa vorrei ricordare le persone che o conosciuto, sono stati davvero eccezionali, ci hanno ospitato nelle loro case e si sono fidati di noi, si sono dimostrati molto disponibili e sinceri, e credo abbiano fatto il possibile per farci divertire, io credo che non li dimenticherò mai, così come non dimentico tutte le persone che conosco e che si dimostrano essere dei veri amici, grazie.
...PrecedenteVai al CapitoloFINE

Altri diari di viaggio
La ciclabile dei Tauri
La ciclabile dei Tauri
...
Avventure alle Eolie
Avventure alle Eolie
...
Boston & New York
Boston & New York
...
Per tutti quelli disponibili scegli dal menu